Fa' che il cibo sia la tua medicina e che la medicina sia il tuo cibo. E soprattutto: medico, se magni, fumi e bevi come un cesso rotto e sei il ritratto dell'insalubrità e dell'infelicità, non mi venire a parlare di salute!!!
Ippocrate (la prima parte;))

domenica 16 aprile 2017

Buona Pasqua e dintorni

Hello! Come state in questo dì di Pasqua? Io mi sono svegliata alle 6.30 e non ho più ripreso sonno ma fa nulla. Ho già passeggiato un'ora con Nina e forse ora mi verrà un po' di sonno, che dite? Mi sono fatta un po' latitante un po' per via del lavoro (che udite udite va bene), un po' perché alle volte mi sembra di avere le mani legate, come se non riuscissi ad esprimermi liberamente neanche qui. Sarà perché ho cambiato il nome in Sclèrosètte e forse non mi convince o perché magari voglio soddisfare il mio sogno nel cassetto di scrivere racconti erotici con uno pseudonimo. Che ne dite? Se apro questo blog lo chiamerò Pornette. Del resto questo blog è nato come mio diario personale di sfogo di neodiagnosticata di SM e, per fortuna, ormai già da tempo ho poco da raccontare in materia; tuttavia, la mia salute mi sembrerebbe un buon motivo per continuare a scrivere ciò che mi accade. Comunque, la mia salute mentale risente alle volte, (secondo Max tutti i mesi), del mio ciclo mestruale ed io, a volte, mi sento una lupa mannara. Si dice che i figli arrivino quando vogliono loro e che si scelgano i genitori: sto aspettando che mio/a figlio/a mi scelga e si decida ad arrivare. Per ora deve essersi fermato in una qualche località amena e sta decidendosi se approdare o no. Del resto, avrà un nutrito stuolo di zii e zie pelose, camminerà libero e nudo sulla terra e sentirà gli uccellini cantare e i gatti correre e forse ha pensato che questa situazione non sia abbastanza fashion per lui/lei. Chissà! Noi siamo in attesa ed io, ogni tanto le vedo. Ho iniziato a prendere due fiori di Bach, Star of Bethlehem and White Chestnut, rispettivamente il fiore che aiuta a superare i traumi e il fiore della serenità. Ho sconfitto una malattia e imparato il tedesco: posso fare tutto!
Ringrazio di cuore Valentina per il messaggio che ha mandato a Max: ci sono giorni difficili, in cui queste esternazioni arrivano come una carezza sul cuore e una pacca sulla spalla. Grazie Valentina:
Ho letto il blog ieri...mi sono emozionata...vorrei avere solo la metà del carattere e della forza di sua moglie...è una forza della natura...mi piacerebbe conoscerla, credo che avrei tanto da imparare...l'abbracci da parte mia...volevo dirglielo.

Mi dissocio dalla frase "La M...nel Pugno" ma apprezzo cotanta bellezza su entrambe le foto.


Un abbraccio a tutti voi
Giuliana